Top
Logo Business VirtualExpo
Lead generation

Una strategia vincente per creare newsletter B2B incisive e generare più lead a livello internazionale!

200 visualizzazioni
Shared onLogo FacebookLogo TwitterLogo PinterestLogo Linkedin
Una strategia vincente per creare newsletter B2B incisive e generare più lead a livello internazionale!

Per le aziende, che ricorrono con sempre maggior frequenza alla marketing intelligence. le campagne di comunicazione sono uno strumento collaudato, che permette di fidelizzare i clienti e trovarne di nuovi. Le newsletter, in particolare, hanno dimostrato di essere tra i migliori strumenti di marketing dell’era digitale. Oggi, per presentare i loro prodotti, le aziende creano newsletter sempre più efficaci e puntano a migliorare il loro tasso di conversione. Ideali per mantenere un forte legame con i clienti, le newsletter permettono di trasmettere contenuti unici e garantiscono un alto tasso di apertura. In questo articolo ci interesseremo alle strategie di ottimizzazione delle newsletter e al loro potenziale in termini di lead generation.


Newsletter: di che cosa si tratta?

La newsletter è uno strumento di comunicazione utilizzato principalmente da aziende, associazioni e organizzazioni. Si tratta di un notiziario o bollettino, di tipo informativo o prettamente commerciale, inviato periodicamente via email a una lista di contatti. La lista di contatti, o mailing list, può includere clienti, prospect, membri dell’assocazione o collaboratori dell’azienda. In ambito commerciale la newsletter propone generalmente le ultime notizie inerenti all’azienda ed offre una panoramica chiara e concisa delle ultime novità prodotto, delle fiere o di altri eventi a cui l’azienda ha partecipato o parteciperà e/o delle promozioni in corso. A seconda del target, possiamo operare una distinzione tra newsletter B2B e B2C.

La newsletter è uno strumento particolarmente utile in ambito B2B, nella misura in cui permette di creare un livello di coinvolgimento (engagement) maggiore rispetto ai social network. Chi viene reindirizzato a un sito da una newsletter ha infatti un tempo di permanenza superiore dell’80% rispetto a chi visita lo stesso sito senza passare per una newsletter. L'obiettivo principale della newsletter non è quindi quello di realizzare vendite, ma di informare il pubblico target e consolidare il legame con il cliente.

Perché le newsletter B2B sono uno strumento di marketing imprescindibile nel 2022?

Se i social network sono stati a lungo il canale più usato per rivolgersi a prospect e clienti, la tendenza per il 2022 è quella di un ritorno alla comunicazione via email. Le newsletter, a condizione di essere il frutto di una strategia adeguata, sono in grado di generare un forte coinvolgimento da parte del pubblico target. Ecco cosa ci dicono in merito diversi studi...

Newsletter B2B: quale strategia per quale target?

Per consolidare la propria brand image e la relazione con prospect e clienti, una strategia editoriale si impone. Senza una strategia di questo tipo, le vostre newsletter B2B raggiungeranno molto difficilmente il loro obiettivo, sia che si tratti di consolidare il legame col cliente o la credibilità del brand o di aumentare il traffico verso il sito web aziendale.


Per ottenere dei risultati, prima ancora di scegliere i contenuti, dovrete procedere ad una segmentazione del pubblico target. A seconda del loro profilo e delle loro esigenze, i contatti commerciali andranno suddivisi in categorie distinte. Questa fase preliminare permetterà di inviare contenuti specifici e personalizzati in base al target. Prima di ogni altra cosa, tuttavia, è necessario... raccogliere i dati dei potenziali clienti! La raccolta dati può avvenire nel momento in cui, ad esempio, compilano un modulo di iscrizione o scaricano un white paper.

Come misurare le prestazioni di una newsletter B2B?

Per misurare l’efficacia di una newsletter possiamo fare affidamento su appositi indicatori di prestazione, o KPI (Key Performance Indicators), come ad esempio il tasso di click-through e il tasso di apertura (open rate). Questi indicatori cpermettono di sapere se gli obiettivi marketing di una determinata campagna digitale sono stati raggiunti. In questo senso la newsletter è uno strumento di comunicazione estremamente pratico: gli indicatori di prestazione delle newsletter sono facili da calcolare, precisi e permettono di valutare il livello di coinvolgimento del pubblico target.


Anche l'uso di uno strumento di marketing automation, come ad esempio Marketo, HubSpot, Plezi o NP6, può rivelarsi utile. La marketing automation permette di realizzare, gestire e, più in generale, automatizzare le attività di marketing sulla base di scenari predefiniti e del comportamento degli utenti. Le soluzioni di marketing automation centralizzano tutte le informazioni rilevanti e consentono di valutare in dettaglio le prestazioni delle newsletter.


E, come tutti i canali di comunicazione digitali, la newsletter offre l’opportunità di mettere a frutto i preziosi dati digitali!

Come esternalizzare una strategia newsletter B2B?

La maggior parte delle aziende affronta le stesse sfide in fatto di marketing, ma non tutte hanno le risorse o il know-how per elaborare e inviare regolarmente una newsletter. Se anche la vostra azienda affronta queste difficoltà, sappiate che potete ricorrere ad appositi software e applicazioni che automatizzano la creazione e l’invio delle newsletter. Un’altra soluzione, sicuramente più efficace, è quella di ricorrere a un fornitore di servizi esterno, che metterà a vostra disposizione la sua esperienza nell’elaborazione di contenuti attrattivi e personalizzati.


Grazie al loro know-how e agli strumenti di cui dispongono, questi esperti di marketing sono in grado di elaborare newsletter efficaci, segmentare una base dati e pianificare gli invii, il tutto in funzione delle categorie target. Per finire, un’altra soluzione efficace è quella di aderire a un marketplace che ha la propria newsletter. Si tratta della soluzione più efficace in assoluto per la promozione commerciale e per raggiungere un pubblico più ampio, che va ben oltre i clienti e i prospect di cui l’azienda già dispone.

Otto buone ragioni per esternalizzare la gestione delle newsletter B2B

Come abbiamo visto, raggiungere e coinvolgere in maniera efficace clienti, collaboratori e prospect con una newsletter non è cosa semplice: è necessaria una strategia. Ricorrere a un fornitore di servizi offre diversi vantaggi, a condizione, naturalmente, che abbia esperienza in materia. In particolare, un’azienda specializzata saprà offrirvi:

Un’assistenza personalizzata, attenta alle esigenze e agli obiettivi della vostra azienda

Un servizio di consulenza, particolarmente utile per chi ancora non sia un esperto in comunicazione digitale

Una strategia di marketing intelligence, volta a creare, consolidare e coltivare le relazioni con i clienti

Un database consolidato di potenziali clienti e un target ad alto potenziale

Un notevole risparmio di tempo, nella misura in cui concezione, layout e invio della newsletter sono affidati al fornitore di servizi

Una conoscenza approfondita dei bisogni del pubblico target, necessaria a garantire la soddisfazione dei lettori e a generare feedback positivi

Una grande attenzione alle pertinenza, che si traduce nell’invio alla persona giusta, al momento opportuno, di contenuti pertinenti presentati nel formato più adatto

Il suo know-how nel monitoraggio della cosiddetta “e-reputation” (reputazione online), un’ottima padronanza delle modalità di invio e la garanzia di un tasso di consegna ottimale su caselle di posta elettronica professionali.

Per coloro che preferiscono tenere le carte in mano e gestire internamente l'invio della newsletter, abbiamo elencato in questo articolo tutti i punti importanti per una newsletter efficiente.

Un esempio di newsletter B2B VirtualExpo Group

VirtualExpo Group mette a disposizione delle aziende sei marketplace B2B, ognuno dei quali propone più newsletter B2B, una per ogni categoria di prodotti. È proprio questa segmentazione tematica che permette alle nostre newsletter di raggiungere un target qualificato, composto di aziende di un settore specifico. ArchiExpo, ad esempio, che si rivolge ad architetti, interior designer e imprese edili, può vantare 2,6 milioni di visite al mese. Quando visitano ArchiExpo, questi potenziali clienti hanno l'opportunità di creare un account e di ricevere regolarmente una o più newsletter con le ultime tendenze del settore e le novità prodotto dei venditori. Ogni newsletter ha una struttura precisa e comprende, dall’alto verso il basso, un banner, un’immagine di grandi dimensioni del prodotto della sezione “In primo piano”, diverse immagini, più piccole, di alcune novità prodotto e, per finire, una selezione di prodotti di tendenza.

Il vostro account manager è naturalmente a vostra disposizione qualora desideriate prenotare un’inserzione in una delle nostre newsletter: non esitate a contattarlo oggi stesso! Vi invitiamo anche a consultare il nostro calendario newsletter 2022 per pianificare gli invii dell’anno prossimo e rafforzare così la visibilità del vostro marchio e dei vostri prodotti presso l’audience B2B dei nostri siti.


Affidare l’invio delle vostre newsletter a un’azienda come VirtualExpo non solo vi libera di un’incombenza tecnica fastidiosa, ma offre alla vostra azienda nuovi canali di comunicazione e una strategia editoriale che punta sui contenuti e va oltre la semplice ricerca di visibilità. Adottare questa nuova strategia per le vostre newsletter B2B significa inviare contenuti pertinenti a destinatari qualificati, generare nuovi lead a livello nazionale ed internazionale e costruire relazioni digitali durature.